Nomi Maschili

Luca: significato del nome, curiosità e 4 pietre portafortuna

Luca è un nome di origine greco-latina. Sarebbe una variante del nome Lùcio ma ormai, è considerato un nome autonomo.  Significa Luce, deriva da lux e lucis per il latino e da lukios (lùcio) per il greco. Può essere interpretato anche come “nativo della Lucania” oppure “nato alle prime luci del mattino”.

Luca nella religione

Luca è il nome di San Luca Evangelista, autore degli Atti degli Apostoli. Considerato patrono dei pittori. Secondo una leggenda del V secolo, fu un rappresentate della Madonna. Il santo viene festeggiato il 18 ottobre, giorno dell’onomastico per Luca. Tra gli altri onomastici troviamo:

  • San Luca di Demenna, 5 febbraio
  • San Luca di Belludi, 17 febbraio
  • San Luca di Messina, 27 febbraio
  • San Leone Luca di Corleone, 1 marzo
  • San Luca Casali da Nicosia, 2 marzo
  • San Luca di Melicuccà, 10 ottobre

E’ comune il nome Luca?

ll santo viene festeggiato il 18 ottobre. Molto diffusa è anche la forma composta Gianluca, documentata in Italia a partire dal Settecento. Luca conta circa 12000 omonimi e se contiamo anche i diminutivi Lucietto e Luchino si arriva a 50.000. Lùcio invece, ne ha circa 35.000.

Poco nota invece la variante femminile Luchina. Diverse le varianti straniere invece. Dal tedesco Lukas, dallo spagnolo Lùcas, dall’inglese Luke, Lucky, Lucke, dal francese Luc, Lucas e Lukas.

Dati ISTAT relativi al nome Luca

Grazie ai dati dell’ISTAT relativi al settore dei nomi italiani, potete sapere subito qual è l’andamento del nome Luca. Nel grafico qui sotto, basato appunto sulle statistiche ufficiali, potete capire sia quanto è piaciuto in passato e quanto piace ancora il nome Luca, sia potete vedere quanti bambini nel corso degli anni sono stati chiamati così. Il grafico è semplice da leggere. La linea rossa mostra la posizione nelle statistiche di gradimento anno dopo anno e la linea blu il numero di bambini chiamati così.

Qualità della persona che si chiama Luca

Luca  è una persona dalla personalità a tratti malinconica. Ma spesso è solo una cosa passeggera. E’ una persona brillante, che sa destreggiarsi tra più attività. Una persona che preferisce star sola ma che non disdegna la compagnia degli amici più stretti.

Luca, le pietre portafortuna

Le pietre portafortuna di Luca sono quelle di colore arancione.

  • Quarzo golden healer: aiuta ad analizzare meglio le cose che ci accadono. Richiede comunque un lungo lavoro interiore.
  • Opale di fuoco: grazie a questa bella pietra potete far emergere le emozioni accumulate. Fa apprezzare di più la compagnia altrui e sotto alcuni punti di vista, anche il rischio. Spinge ancora di più ad agire.
  • Mokaite: conosciuta anche come diaspro australiano. E’ considerata una pietra che porta buona salute. Infonde calma e allo stesso tempo tanta voglia di vivere. Rende un po’ più flessibili e nel periodo di smarrimento, aiuta a ritrovare la propria strada.
  • Corniola: spesso considerata una pietra tipicamente femminile, ciò non significa che non possa essere utilizzata anche dagli uomini! Aiuta a ritrovare la motivazione, a superare paure che, nonostante il tanto pensare, non possono essere evitate (come quella della morte).

Voto all'articolo: 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto ancora)
Loading...

Lascia un commento